• Seguimi anche su Bricciole d’info – farfugliamenti

  • DEDICATO A:

    Un forte abbraccio alla mia famiglia; a mio figlio, che con le sue "bricciole" (impossibile fargli capire l'errore ), mi ha dato l'ispirazione per il titolo del blog e al mio piccolo cucciolo che vorrebbe già scrivere al pc come la mamma!

  • Translate

  • Categorie

  • Ultimi post

  • Archivi

  • Login

  • Comunità

  • Se pensi che questo blog

    ti abbia lasciato un segno,

    e lo ritieni utile,

    puoi sostenerlo

    offrendomi un caffè

  • Member of The Internet Defense League

Vacanze in Grecia: tutti i consigli utili

karpathos_1Sarà perché la profonda crisi economica che sta attraversando questo Paese ha fatto crollare i prezzi rendendolo molto conveniente, sarà perché si trova a due passi da noi, fatto sta che le Grecia quest’estate è in cima ai desideri di viaggio di molti italiani.

Sì ma “come” e “dove”? Per quanto riguarda il come la lista dei consigli utili sulla Grecia riguarda la scelta dei mezzi di trasporto. Ci sono due soluzioni; l’aereo ed il traghetto. Il primo è ideale per il trasferimento dall’Italia, il secondo per gli spostamenti tra un’isola e l’altra.

Avvertenze particolari non ce ne sono per chi parte se non quella di prenotare in anticipo e preferendo tutti i mesi tranne agosto per riuscire a trovare prezzi ragionevoli sia per i trasporti santorini-grecia_3sia per gli alloggi; per il volo in particolare c’è la low cost Aegean Airways che propone diverse soluzioni a buon mercato (posti permettendo).

Per il resto, prima di partire, si consiglia di acquistare un’assicurazione di viaggio con cui far fronte agli eventuali imprevisti che dovessero presentarsi nel corso della vacanza. Sarebbe meglio acquistarla in Italia prima di partire perché i costi sono ridotti e si è coperti anche per il viaggio; è possibile consultare anche online il sito polizze-viaggi.it per polizze viaggio a confronto, maggiori informazioni sulle procedure, preventivi e coperture.

Per quello che riguarda invece il tema del “dove” non c’è che l’imbarazzo della scelta. Certamente se la vacanza è “estiva” allora per definizione la nostra destinandone dovrebbe essere una delle tante isole greche come Mykonos, Naxos, Skiatos, Rodi, Kos, Astypalea, Samos, Patmos, Alonissos, Kastellorizo, Sifnos, Santorini, Parga, Ios, Karpathos, Delos, Paxos, Zante, Creta o Koufonisi.

Santorini-greciaQuale scegliere? Tre consigli per tre tipi di pubblico. Se siete molto giovani allora la destinazione ideale è Ios con i suoi campeggi e la sua nota baldoria “h24”; se invece volete godervi il mare migliore dell’Egeo è Karpathos, meno “commerciale” rispetto alle altre e con un’acqua ricca di fauna e flora che fa la felicità di chi ama fare immersioni e snorkeling.

Se infine volete godervi i panorami migliori dell’Egeo non potete sbagliare: scegliete Santorini. Sarà pure inflazionata ma state pur certi che dall’alba al tramonto, appena un po’ di sole ve ne darà la possibilità, la vostra reflex non smetterà di scattare fotografie letteralmente straordinarie. Provare per credere!

Parliamo di…

image

E’ tanto che ci penso e tante volte ho scritto qualcosa in merito, ma ultimamente, leggendo alcuni blog e in particolar modo i commenti, mi sono resa conto che  io sono proprio “una gran bastian contraria!”

Leggi l’articolo intero »

La vita reale è solo un’illusione

image

Socia vs realtà

Dove sta il senso della vita, quando senso di vita non c’è?
Mi guardo intorno ed è tutto un ripetersi di situazioni, di cose trite all’infinito che portano solo nausea.

Ogni mattina è come se sapessi già di rivivere la stessa giornata.
Certo, alcune sfumature cambiano!
Cambiano come possono cambiare i colori di una vecchia foto dimenticata in soffitta.
Sono quelle sfumature che scandiscono il tempo che trascorre lento, senza preoccuparsi di ciò che è e di ciò che sarà, perché l’immagine nella foto è e sarà sempre quella: immobile, statica.

Tutto passa, ma tutto resta.
Lo vediamo nei social, nel mondo che i circonda.
La storia è un ripetersi continuo, politici che vogliono il potere su tutto, paesi in lotta tra loro per idee demenziali, per la voglia di far valere i propri pensieri sugli altri, sangue, popoli che scappano e gente che se ne approfitta, intravedendo nella paura altrui, grandi profitti.

I social, l’ultima grande innovazione… ma ne siamo veramente convinti?
Non è altro che la grande piazza virtuale del paese!
Quel luogo comune a tutti, in cui tutti diventano forti.
Grandi geni, grandi propagatori di pensieri che in piazza son capacissimi di buttar giù una montagna con un solo dito.
Quella piazza in cui buoni propositi, belle parole spuntano dal nulla e vengono condivise all’infinito, spesso senza sapere neanche a cosa realmente si riferiscono .
Ciò  che conta è condividere, perché il condividere quel pensiero da la vana sensazione di aver fatto qualcosa di grande, qualcosa di speciale nella vita. Come dire “anche io l’ho detto”.
E si l’ho detto nei social, perchè in fin dei conti è questo che conta o no? Averlo condiviso mille e mille volte, fino alla nausea, fino a non poterne più.

Poi per puro caso ci si incontra al bar, capita anche questo!
Quel luogo poco virtuale e tanto reale, in cui non si vedono solo scritte, quel luogo in cui si ascoltano parole, si sentono profumi, si sentono rumori, si osservano movimenti e ci si guarda negli occhi.

Oddio, il mondo cade.

La certezza di quella condivisione non esiste più. Ragazzi, stiamo parlando di realtà dei fatti!
Svaniscono nel fumo di una tazzina di caffè tutti i buoni propositi social: la lotta contro chi maltratta gli animali, la lotto contro la delinquenza, il riprendersi in mano un paese che è andato incontro a una decadenza totale, in cui povertà, miseria, degrado sono l’unica verità che conosce, a parte il calcio!

In questo bar, davanti a quella misera tazzina di caffè, prima fumante, tutto ha perso di valore. Così frettolosamente si ritorna nel proprio mondo, quello dei social, in cui si ha più certezze, in cui tutto è possibile, in cui ci si sente dei grandi perchè, per almeno un attimo si è riusciti a condividere quel link.

Scritto con WordPress per Android

Come coltivare un orto biologico nel proprio giardino

Insetticidi-biologici-per-ortoSi sente ormai ovunque parlare di prodotti a “kilometri zero” e prodotti “biologici”, soprattutto nell’ambito di frutta, ortaggi e verdura che vengono consumati quotidianamente sulle tavole di tutti. Da ormai troppo tempo è frequente trovare in commercio prodotti che vengono gonfiati con ormoni o altre sostanze chimiche, dannose per il nostro organismo che le ingerisce ma anche per l’ambiente che subisce l’effetto dell’uso di concimi velenosi. È aumentato il bisogno della popolazione di prodotti primari che siano genuini, che raramente è possibile acquistare nei supermercati, anche in quelli più controllati. Mangiare sano è diventato finalmente importante, e altrettanto importante deve essere l’educazione alimentare. In questo senso si sono sviluppati sempre più gli orti urbani, gli orti biologici di privati anche a servizio dei concittadini. Insalata, limoni, pere, cavoli, zucchine, bietole, pomodori, carote, peperoni e melanzane e tanti altri avranno sicuramente un altro sapore se coltivati nel vostro orto biologico.

L’orto si definisce biologico perché permette di coltivare frutta, verdura e ortaggi in maniera sana e nel rispetto dell’ambiente naturale, senza l’utilizzo di prodotti dannosi e concimi chimici. La concimazione della terra avviene esclusivamente con prodotti naturali, e bisogna avere quindi molta cura del proprio orto per preservarlo dall’attacco di insetti e parassiti e per evitare che le piante si prendano delle malattie. Realizzare un orto biologico nel proprio giardino è molto semplice e può rivelarsi anche estremamente divertente. Non è necessario disporre di tantissimo spazio, ci si può ingegnare e riciclare diversi contenitori, cesti, vecchie cassette di legno della frutta, da poter tenere anche sul balcone, nei portici o sui davanzali.

Con un po’ di pazienza e con le indicazioni di seguito, scoprirete come è possibile realizzare e gestire un vero orto biologico nel proprio giardino e apprezzerete i benefici di avere frutta, verdura e ortaggi a portata di mano, sani e genuini. Per maggiori approfondimenti è possibile consultare anche la guida pubblicata su DonnaD su come fare un orto biologico in casa o in giardino!

Il terreno

come-coltivare-un-piccolo-orto-in-giardino_1b2b7920df2f04a41b14b52db6d2d294Certo, non è semplice fare a meno di prodotti chimici, erbicidi, ecc. ma con tanta volontà e pazienza, e soprattutto voglia di fare, si può trovare rimedio direttamente dalla natura, che come al solito ci fornisce tutti gli strumenti necessari per coltivare un orto biologico efficiente e assolutamente naturale. Dovete prima di tutto fare un’analisi e revisione del terreno del vostro giardino: composizione e Ph del suolo, presenza di agenti nocivi pregressi, e ancora esposizione agli agenti atmosferici. L’ideale è scegliere un punto soleggiato, non troppo ventoso, con un terreno abbastanza drenante, morbido e soffice. Dovete eliminare pietroline e sassi presenti, zolle ed erbacce. Così il vostro terreno sarà pronto per coltivare verdure e ortaggi biologico.

Concimi

Ovviamente, dovete preferire i concimi naturali per nutrire le vostre piante. Questi sono il letale, il compost, la torba, i terricciati e la pollina che trovate tranquillamente nei negozi specializzati di giardinaggio. Oltre questi più comuni, potete trovare i concimi derivati dal riciclo dei materiali organici, frammenti biologici che vengono sminuzzati (anche di origine animale). Oppure, ancora, potete optare per la “concimazione verde” che sfrutta la coltivazione di alcune piante ed erbe specifiche che vengono poi lasciate a decomporsi sul terreno, arricchendolo di sostanze nutritive.

Combattere i parassiti

Nel caso in cui vediate che le vostre piantine sono attaccate da insetti parassiti, dovete preferire tecniche colturali specifiche senza l’utilizzo di sostanze dannose e chimiche: è possibile infatti fare dei prodotti naturali e fai-da-te come i fertilizzanti. Tra queste tecniche la più comune ed efficiente prevede l’uso volontario di insetti “buoni” che combattono quelli “cattivi” che danneggiano le piante. Dovete comunque aver cura di eliminare con le vostre mani le larve o gli insetti parassitari e di estirpare le erbacce invasive qualora si presentino.

da-morto-ad-orto-lorto-in-citt-grazie-al-design-di-recupero_567_big

Cosa piantare?

Per avere una maggiore scelta di frutta, verdura e ortaggi si consiglia di piantare diverse specie vegetali, in funzione delle caratteristiche del vostro terreno e delle condizioni atmosferiche del vostro giardino. Più variate più faciliterete la rotazione delle colture che permette di aumentare la fertilità e quindi l’efficacia nutritiva del suolo. Quando seminate, abbiate cura di distanziare le piantine o i semi. Non dimenticate, infine, di innaffiare quotidianamente il vostro orto biologico. L’ideale è nebulizzare l’acqua ricreando un effetto pioggerellina sulle vostre piante (anche semplicemente con uno spruzzino), che si sentiranno così rinvigorite. Ottimizzerete così anche il consumo di acqua, altra materia prima fondamentale.

Testata per voi: l’applicazione android che ti fa guadagnare

image

Ultimamente sono sempre stata molto scettica sui guadagni online, le ultime esperienze in merito, mi hanno portata a credere che in realtà questo poteva esserci solo a patto che si fosse disposti a stare ore e ore davanti al pc, scrivendo articoli poco veritieri e se, soprattutto, ci si accontentasse di un guadagno pari e non superiore a al valore di un caffè al mese.
Ma…

Leggi l’articolo intero »

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.583 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: