Annunci
Annunci
  • Seguimi anche su Bricciole d’info – farfugliamenti

  • DEDICATO A:

    Un forte abbraccio alla mia famiglia; a mio figlio, che con le sue "bricciole" (impossibile fargli capire l'errore ), mi ha dato l'ispirazione per il titolo del blog e al mio piccolo cucciolo che vorrebbe già scrivere al pc come la mamma!

  • Translate

  • Categorie

  • Ultimi post

  • Archivi

  • Login

  • Se pensi che questo blog

    ti abbia lasciato un segno,

    e lo ritieni utile,

    puoi sostenerlo

    offrendomi un caffè

  • Member of The Internet Defense League

L’inizio… della fine

sguardo-dolore-square
Si era ripresa i soldi che le aveva rubato dalla borsetta…. scendeva le scale… “Puttana, sei solo una puttana!
Ma te la farò pagare” Quelle parole le rimbombavano nella testa come un martello pneumatico… “Un giorno sarai vecchia, non avrai niente e mi cercherai… e io non ci sarò…”. Il magone le serrava la bocca, le riempivano gli occhi di gocce amare… “Si son puttana… per aver messo al mondo uno come te! Si son puttana per continuare ad amare uno come te!” stava per piangere, serrò i pugni e trovò la forza di continuare “Tranquillo, quel giorno non arriverà ami, piuttosto la morte”.
Parole crude, uscite per rabbia, lo sapeva, ma erano parole forti, pesante, penetranti, che facevano sanguinare il cuore molto più di una lama di coltello ben affilata…
Scese giù, gli occhi del marito infiammati di rabbia, gli occhi del suo piccolo che le chiedevano un sorriso… e trovò quel sorriso, un sorriso splendido… poi rivolta al marito “Bè, non stavi preparando un invito? Ma caro ti devo dire tutto io?” Strizzò l’occhio, come se niente fosse accaduto, come se niente fosse stato detto…
Preparò la cena… e chiamò tutti a tavola… tutti nessuno escluso, con quelle parole che continuavano a bombardare… a scatenare l’inferno nella sua mente… ma sorrise tutta sera, raccontando storie, essendo la più soave tra le donne…
Giunse la notte, la sua amica notte, quella che riusciva a darle pace, tranquillità, complicità…
Invece…
E invece pianse, pianse e pianse, fino a esaurire anche l’ultima lacrima, conscia che non sarebbe stata l’ultima volta… conscia che quello era solo l’inizio, l’inizio di quello che poteva ritenersi la fine…
Annunci
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: