Annunci
Annunci
  • Seguimi anche su Bricciole d’info – farfugliamenti

  • DEDICATO A:

    Un forte abbraccio alla mia famiglia; a mio figlio, che con le sue "bricciole" (impossibile fargli capire l'errore ), mi ha dato l'ispirazione per il titolo del blog e al mio piccolo cucciolo che vorrebbe già scrivere al pc come la mamma!

  • Translate

  • Categorie

  • Ultimi post

  • Archivi

  • Login

  • Se pensi che questo blog

    ti abbia lasciato un segno,

    e lo ritieni utile,

    puoi sostenerlo

    offrendomi un caffè

  • Member of The Internet Defense League

Sapere cosa si scrive

Immagine   Attraverso commenti, conversazioni via chat, ci si rende conto con si chi ha che fare.

Purtroppo, sempre più spesso, mi rendo conto che non sempre si sa veramente ciò che si dice o ciò che si scrive.

Si parla in un modo e si agisce esattamente al contrario

Ciò purtroppo accade anche tra blogger o addirittura tra chi si definisce scrittore.

Prima regola del buon blogger o scrittore

Sapere cosa si scrive.

Non importa quanto si scrive, possono essere anche solo due righe, ciò che conta è che siano informazioni esatte, nel caso si voglia dare consigli o descrivere un qualche evento. Oppure che si sia coerenti con ciò che !si dice, nel caso si esprimano opinioni e pensieri personali.

Mi viene in mente una conversazione con una blogger che ha commentato un mio post: Copiare eticamente sbagliato.

Inizialmente ha avvallato la tesi che non c’era niente di sbagliato, se veniva riportato il link, lei stessa lo faceva spesso nel suo blog. Per lei era un modo per non  rovinare” le magnifiche parole dell’autore.

Poi, però, dulcis in fundo, ribalta il discorso dicendo che un buon blogger poteva ritenersi tale e poteva far strada solo se trovava nuove idee, di suo pugno e di sua testa…

Ehm… ehm…

C’è qualcosa che non torna… non credete?

Come si può scrivere di proprio pugno e di propria testa se si copia per filo e per segno lo scritto di un altro pur inserendo il link della pagina?

Non voglio fare la moralista, ne tanto meno insegnare niente a nessuno, non ne ho ne la facoltà, ne le competenze, al massimo potrei insegnare ai bambini delle elementari, ma credo, che il suo discorso abbia del CONTROSENSO su molti fronti.

Una presentazione, per chi vuole farsi strada nel mondo del blog, per chi vuole farsi conoscere come scrittrice, poco seria e convincente.

CONCLUSIONI

Il suggerimento che mi dava la mia insegnante secoli fa, era ottimo,

prima pensa, collega i neuroni e poi parla – o scrivi –

Ragionare bene e saper ciò che si dice, ma soprattutto, parlare e agire seguendo la stessa linea. Sono le nostre azioni che confermano le parole e dicono quanto veramente valiamo come persone, le parole servono da contorno, sono i colori, i profumi del nostro comportamento.

 

Annunci
Lascia un commento

3 commenti

  1. mario

     /  luglio 14, 2013

    Lasciare un commento, ma, a mio modesto parere, c’è ben poco da commentare. Copiare non è altro che un impossessarsi di una cosa non propria, anche un bimbo della scuola materna è capace di copiare

    Rispondi
    • Da che mondo è mondo, è la prima cosa che insegnano, ma si sa, il mondo è bello perché è vario e negli ultimi tempi pare che ognuno si inventi le regole secondo propria necessità.

      Rispondi
  2. Come diceva Indro Montanelli…si può scrivere solo di ciò che si conosce.

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: