• Seguimi anche su Bricciole d’info – farfugliamenti

  • DEDICATO A:

    Un forte abbraccio alla mia famiglia; a mio figlio, che con le sue "bricciole" (impossibile fargli capire l'errore ), mi ha dato l'ispirazione per il titolo del blog e al mio piccolo cucciolo che vorrebbe già scrivere al pc come la mamma!

  • Translate

  • Categorie

  • Ultimi post

  • Archivi

  • Login

  • Se pensi che questo blog

    ti abbia lasciato un segno,

    e lo ritieni utile,

    puoi sostenerlo

    offrendomi un caffè

  • Member of The Internet Defense League

Copywriters: veri o falsi?

image

E’ sempre più forte il disappunto che prende in esame il lavoro dei Copywriters: veri o falsi?
Un mercato che negli ultimi anni è cresciuto in maniera esponenziale e che ha riempito le pagine del web a vantaggio di pochi e a discapito di chi lo fa per professione.

E’ vero che fare il copywriter è apparentemente facile, ma è anche vero che esistono dei parametri che andrebbero conosciuti e riconosciuti come vera e propria qualifica.
Tutto pare sia nato da che alcune piattaforme ospitanti blog gratuiti, hanno pensato bene di proporre a semplici blogger l’opportunità di guadagnare qualche spicciolo scrivendo recensioni sul proprio blog.

La cosa, come poteva non far gola a molti, vista la grande crisi economica?
Casalinghe, studenti, disoccupati, si sono fiondati come mosche,riempiendo il web di molteplici recensioni, inizialmente viste positivamente. E si, perché si sa che ci si fida molto di più della parola di una persona comune che non di quella di un pubblicitario stra-pagato che pubblicizza positivamente un prodotto perché è il suo mestiere.

Visto il grande successo, il grande passo è stato brevissimo, aprire siti affinché chiunque potesse scrivere articoli per le aziende.
Chiunque può scrivere, non ci sono distinzioni. Unica differenza sono i livelli dal 1° al 5° che ne sottolineano la professionalità.
Ma siamo veramente sicuri che questi parametri sono regolari?

Sorge il dubbio dal momento che i guadagni sono stabiliti dai livelli:
– da 0,01 a 0,03 a parola per un massimo di 200/500 parole, nel 1° livello
– da 0,10 a 0,20 a parola per un massimo di 2000 parole nel 5° livello.

Ci si chiede, quale azienda paga così tanto se può risparmiare?

Con questo sistema tutti possono diventare copywriter!

Risultato?
Un’ enorme svalutazione del settore con un ribasso stratosferico dei guadagni.

Conseguenze?
Una lotta fredda tra veri professionisti che rivendicano il loro diritto di poter svolgere il lavoro senza concorrenza illecita e copyrwriter occasionali che pur di avere qualche piccolo guadagno e riuscire a sopportare la crisi non mollano la presa.

Si può dare la colpa a queste due categorie?
Personalmente non credo! Entrambe si trovano assorbite dall’imbuto avido di chi, alle loro spalle continua a diventar sempre più grande, fregandosene di tutto, dei diritti e dei sentimenti altrui.

Mi viene da pensare: ma se la stessa cosa accadesse nelle scuole, chiunque bravo in italiano può aver la possibilità di insegnare ai nostri figli. Noi genitori come ci comporteremo?

Ogni professione, se pur apparentemente facile, necessita di preparazione, di anni di studio, e continui aggiornamenti.

Non ci si inventa professori, così come non ci si inventa copywriters.

Ci può essere una soluzione?
A tutto c’è una soluzione!

Un’unica parola: preparazione.
Solo studiando, aumentando il proprio livello, si può pretendere di aumentare i guadagni e quindi porre sul mercato una vera concorrenza leale.

Siamo in grado di poter far questo o siamo ancora quelli che si vogliono accontentare delle poche briciole che cadono per sbaglio dalle tasche di chi ci sta muovendo come pedine?

Scritto da Briccioledinfo

Articolo successivo
Lascia un commento

4 commenti

  1. mario

     /  luglio 24, 2013

    E’ proprio questo il motivo della crisi mondiale. Ci si è abituati ad accontentasi delle briciole che i grandi si lasciano cadere ” dalle tasche “

    Rispondi
  2. blogandrealiberati

     /  luglio 24, 2013

    Quello che scrivi è sensato effettivamente. Ma esiste una preparazione adeguata in grado di formarti per questo lavoro e che ti viene riconosciuto pubblicamente e che rilascia attestati diplomi o simili? …

    Rispondi
    • Non esistono attestati specifici qui in Italia, ma laurea, studi attinenti il web designer, curriculum tirocinante in merito o tesserino giornalistico, una sana e buona preparazione da autodidatta con letture, post in blog personali, aiutano tantissimo. Tutti possono, potenzialmente, diventare copywriter, è la preparazione che fa la differenza! Purtroppo però, il mercato si sta basando più sulla scarsa qualità ma buon prezzo, più o meno come in tutte le cose, vedi il settore abbigliamento, meccanico, tecnico etc. etc.

      Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: