• Seguimi anche su Bricciole d’info – farfugliamenti

  • DEDICATO A:

    Un forte abbraccio alla mia famiglia; a mio figlio, che con le sue "bricciole" (impossibile fargli capire l'errore ), mi ha dato l'ispirazione per il titolo del blog e al mio piccolo cucciolo che vorrebbe già scrivere al pc come la mamma!

  • Translate

  • Categorie

  • Ultimi post

  • Archivi

  • Login

  • Se pensi che questo blog

    ti abbia lasciato un segno,

    e lo ritieni utile,

    puoi sostenerlo

    offrendomi un caffè

  • Member of The Internet Defense League

Ebay spegne 20 candeline di successi

Buon compleanebay-881309_640no eBay. Sono queste le parole che sicuramente Pierre Omidyar dedicherà in questi giorni alla sua “creatura”. A 20 anni dalla sua creazione eBay è oggi diventato un colosso mondiale, il portale è tutt’ora la casa d’aste con più prestigio al mondo e vanta un fatturato di ben 83 miliardi di dollari. Il sito è nato il 3 settembre del 1995 ed è arrivato in Italia nel 2001 rilevando il portale francese di trading online, leader in Europa, iBazar.

La storia di eBay è iniziata con la vendita di un puntatore laser rotto per una somma di poco inferiore ai 15 dollari.
Omidyar, con la sua lungimiranza, intravedeva già negli anni ’90 la possibilità che gli acquisti potessero essere fatti online stando comodamente seduti davanti al proprio computer. La formula da lui creata fu da subito vincente. Già nel 1998, in seguito alla quotazione in Borsa di eBay, Omidyar ed il presidente di allora, Jeffrey Skoll, si sono trovati milionari.

La crescita di eBay è stata poi esponenziale con la diffusione in tutto il mondo e l’ampliamento dei servizi offerti. Nel 2002 viene acquisito il sistema di pagamento PayPal da cui, però, e Bay si è distaccato proprio ultimamente. Altre tappe fondamentali nella crescita di eBay sono state l’acquisto della società leader nelle chiamate via web, Skype, nel 2005 (che oggi, però, è di proprietà di Microsoft) e di StubHub, impresa tra le più note a livello mondiale nella vendita online di biglietti per eventi e concerti, concretizzata nel 2007.

Le 20 candeline che oggi spegne eBay sono un susseguirsi di successi e record. Sono 38 le filiali ufficiali aperte nel mondo in altrettanti paesi. Negli Stati Uniti viene venduto un paio di scarpe su eBay ogni circa 2 secondi. Anche in Italia le aste online funzionano a gonfie vele: le calzature da donna vanno a ruba (di media un acquisto ogni 3 minuti), seguite dalle borse e dai tablet. Nel mondo ci sono attualmente quasi 160 milioni di utenti attivi di cui circa 4,5 milioni nel nostro paese. Le inserzioni ad oggi ammontano ad oltre 800 milioni, provenienti da almeno 200 stati nel mondo con un valore totale di beni venduti che ha già superato i 20 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2015. Il record di incasso per una singola asta su eBay risale al 2006, quando è stato venduto niente meno che uno yacht, alla cifra esorbitante di 168 milioni di dollari. Su eBay si trova davvero di tutto, dagli oggetti più impensabili ritrovati nelle vecchie soffitte sino ai beni più lussuosi come orologi, opere d’arte, etc; eBay funziona perchè totalmente libero e facile da gestire.

Per festeggiare i 20 anni di eBay sono molteplici le iniziative organizzate in tutto il mondo. Un maxi party è previsto nella cittadina californiana di San Jose, dove ha sede la società, nei giorni 10 ed 11 settembre. Anche a Milano è organizzato un evento in data 10 settembre. Questi appuntamenti non saranno solo occasioni per celebrare l’importante compleanno, ma saranno anche tappe per pianificare la crescita e gli sviluppi di eBay per il futuro. La separazione da PayPal sarà il primo cruciale nodo da affrontare visto che senza questa piattaforma di pagamenti l’outlook di eBay è visto al ribasso dalle più importanti agenzie mondiali di rating. E poi c’è da trattare anche la questione della concorrenza. Il commercio online di siti come Amazon, la crescita del colosso cinese Alibaba, ma anche la competizione con aziende come Facebook e Google, potrebbero privare eBay di grosse fette di mercato ad oggi acquisite.

Insomma eBay festeggia questi suoi 20 anni con la certezza della sua leadership, ma con la consapevolezza che bisogna continuare a lavorare bene per rimanere il primo sito mondiale per le aste online.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: