• Seguimi anche su Bricciole d’info – farfugliamenti

  • DEDICATO A:

    Un forte abbraccio alla mia famiglia; a mio figlio, che con le sue "bricciole" (impossibile fargli capire l'errore ), mi ha dato l'ispirazione per il titolo del blog e al mio piccolo cucciolo che vorrebbe già scrivere al pc come la mamma!

  • Translate

  • Categorie

  • Ultimi post

  • Archivi

  • Login

  • Se pensi che questo blog

    ti abbia lasciato un segno,

    e lo ritieni utile,

    puoi sostenerlo

    offrendomi un caffè

  • Member of The Internet Defense League

Salute, il rapporto tra Internet e Medicina

nodulo tiroide salute

Recentemente un’equipe di ricercatori dell’Università di Stanford ha analizzato l’utilizzo di Internet da parte di utenti a caccia di notizie sulla salute. L’obiettivo è capire quanto la rete influenzi l’attenzione che riponiamo verso il nostro corpo, e il suo stato di salute.
Contrariamente agli allarmismi a proposito di un uso smodato e pericoloso di Internet per effettuare un’auto diagnosi, i risultati della ricerca di Stanford sono molto più incoraggianti e positivi.
Questi studi, pubblicati da Laurence Baker sulla rivista medica “Journal of the american medical association”, hanno evidenziato che la maggior parte degli utenti ricorre alla rete solo per un primo consulto, affidandosi poi alle cure del medico senza mai rinunciare a quest’ultimo passaggio.
Ne risulta, insomma, che usare internet abbia semplicemente aiutato gli utenti ad acquisire una maggiore consapevolezza del loro stato di salute.
I sintomi di un nodulo alla tiroide, che prima dell’avvento di internet potevano essere sminuiti, oggi sono messi in luce grazie ad un primo aiuto delle informazioni in rete.

Il web è ricco di portali che si occupano di informazioni, generiche o più approfondite, delle patologie più diffuse.
Nella folta schiera di portali vi è anche abcsalute.it, che fornisce news, approfondimenti, ma anche preziose indicazioni di centri specializzati e medici professionisti per ogni branca della medicina. In aggiunta, questi portali forniscono anche informazioni dettagliate su cause, sintomi e trattamenti, consigliando sempre una visita medica approfondita per valutare il problema specifico.

Nel caso di un nodulo alla tiroide, spesso molte persone non si accorgono di averlo poiché si tratta di una patologia asintomatica; solitamente esso non dà dolore, non dà fastidio né presenta segni di ipertiroidismo e non è palpabile.
A volte gli uomini se ne accorgono mentre fanno la barba, e le donne mentre si massaggiano il collo con una crema o durante il trucco.
Uno dei sintomi del nodulo alla tiroide è un leggero fastidio durante la deglutizione, poiché si tratta di un nodulo mobile.
Solo nei casi più estremi, quando il nodulo raggiunge dimensioni grandi, comincia a dare dei fastidi più consistenti, come senso di costrizione e difficoltà a respirare o deglutire.

Una volta che si sono appurati questi sintomi è molto importante rivolgersi ad un medico curante che si occuperà di indirizzare il paziente verso uno specialista.

Anche se questi siti non possono assolutamente sostituire il parere di un medico, (d’altra parte è lungi da loro questa intenzione), essi rappresentano una risorsa importante per avere alcune informazioni preliminari, e un’idea sull’eventuale patologia prima della visita medica vera e propria.

Le indagini che lanciano gridi d’allarme sull’utilizzo scorretto della rete, suppongono che Dottor Internet voglia sostituire le cure fornite di persona. I medici, però, non sembrano essere così preoccupati, visto che le statistiche assicurano che la frequenza con cui i cittadini si rivolgono ad uno specialista è in aumento.
In sostanza le abitudini della popolazione sono rimaste inalterate, è solo cambiata la fase preliminare che adesso può contare sul supporto della ricerca in rete.

Gli utenti non hanno alcuna intenzione di rimpiazzare le capacità cognitive e di valutazione clinica dei medici specialisti. La responsabilità delle cure resta sempre nelle mani del medico, ma l’utente, nel momento in cui consulta una pagina di salute, cerca qualcosa che integri la sua esigenza di informarsi.

Il desiderio di una ricerca preliminare sul web sembra essere un dato tutt’altro che negativo, nella misura in cui tale ricerca favorisca una maggiore conoscenza del proprio corpo. In tal modo, nessun sintomo può essere sminuito, agevolando le misure di prevenzione di una malattia.

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: