Annunci
Annunci
  • Seguimi anche su Bricciole d’info – farfugliamenti

  • DEDICATO A:

    Un forte abbraccio alla mia famiglia; a mio figlio, che con le sue "bricciole" (impossibile fargli capire l'errore ), mi ha dato l'ispirazione per il titolo del blog e al mio piccolo cucciolo che vorrebbe già scrivere al pc come la mamma!

  • Translate

  • Categorie

  • Ultimi post

  • Archivi

  • Login

  • Se pensi che questo blog

    ti abbia lasciato un segno,

    e lo ritieni utile,

    puoi sostenerlo

    offrendomi un caffè

  • Member of The Internet Defense League

Un ragazzo, che non crede in se stesso, siamo noi i colpevoli?

Prendo a esempio un ragazzo, ma sono quasi certa che  sono tanti gli adolescenti che la pensano allo stesso modo.

Molto spesso si incontrano persone che con le mani sono capaci di creare il mondo, persone che non riconoscono le loro doti, spesso per vergogna, per paura delle critiche.
È quello che accade a Miky , ragazzo dotato che non crede di essere dotato e quindi si lascia scivolare addosso le grandi opportunità che gli si presentano.
Sin da piccolo amava il disegno a matita, ci si dedicava anima e corpo, riuscendo, a fare miniature molto particolari.
Adesso il suo sogno sarebbe quello di diventare famoso per i disegni Manga.
Ma non fa niente per raggiungere il suo obiettivo, dice: “Non sono abbastanza bravo per sperarci!”
I ragazzi di oggi, non credono nel futuro. Come possono se siamo i primi noi a non crederci?
Così si lasciano andare, non cercano più di lottare per il loro avvenire…
“Tanto, a cosa serve?”
Non si parla che di problemi, di crisi del lavoro. I telegiornali ci bombardano di decisioni politiche sempre più drastiche per l’avvenire dei nostri figli e, come se non bastasse, per molti la soluzione migliore pare sia suicidarsi.
È questo che stiamo insegnando loro?
Non combattere?

Annunci

Chiudi gli occhi

Chiudi gli occhi… “Chi sono? Che senso posso dare al mio essere?”

La magia dell’arte Nail, chiodi e martello per delle vere opere

Così, per puro caso, mi sono imbattuta in un’immagine che riproduceva una mamma col suo bambino.

Niente di particolare a primo impatto, se non il fatto che vedere  qualsiasi mamma col suo cucciolo fa sempre tenerezza. (altro…)

La magia dell’arte Nail, chiodi e martello per delle vere opere

Così per puro caso mi sono imbattuta in un’immagine che riproduceva una mamma col suo bambino.
Niente di particolare a primo impatto, se non il fatto che vedere  qualsiasi mamma col suo cucciolo fa sempre tenerezza.

Ma poi, guardando attentamente, ti rendi conto che non è una semplice immagine in bianco e nero, spuntano dei chiodi.
Questa è la grande magia: chiodi e martello per delle vere opere.
L’autore è Marcus Levine, artista inglese che ha improntato la sua vita sulle sculture Nail.
Per creare le sue opere, usa pannelli di legno e chiodi, da un minimo di 15.000 fino a oltre 52.000.
Inoltre le immagini delle opere sono impresse nella sua mente, infatti non disegna niente nelle tavole, per evitare di creare ombre non volute. Quando fissa un chiodo col suo martelletto, è ben certo della sua posizione.
Sculture studiate e mirate, per la cui creazione occorre tanta pazienza.
Ma basta dare uno sguardo per capire con quanto amore si dedica a questa forma d’arte contemporanea.
Trovo le sue sculture talmente meravigliose da restar senza parole. Giudicate voi!
Macus Levin Nail 2
Marcus Levin Nail 3
Marcus Levin Nail Marcus-Levine-Nail-Art-10

Marcus-Levine-Nail-Art-13

Marcus-Levine-Nail-Art-4

Quando si vuol parlare di #arte: arte MUKIMONO

Arte, espressione interiore, raffigurata, mezzo di comunicazione, in cui artista e pubblico entrano in pieno contatto
mistico.

L’artista che riesce a infondere nel cuore del pubblico emozioni diverse, sensazioni, brividi che attraversano la schiena. (altro…)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: